top of page

Integratori essenziali contro la stanchezza da cambio di stagione

Come ogni anno, il cambio stagione è arrivato e questo avvento comporta un calo fisiologico delle funzioni dell’organismo, con riduzione delle qualità delle performance sia fisiche che psichiche.

A livello psichico si assiste ad una sorta di inedia che non fa “scattare la scintilla” necessaria a svolgere le attività quotidiane; queste sono, infatti, influenzate negativamente da ansia, irritabilità e nervosismo, che compaiono quando ci si rende conto di non essere in grado di dare il meglio di se stessi.

A livello fisico, invece, vengono a mancare le energie fondamentali per affrontare la giornata; sono presenti, infatti, stanchezza e riduzione della concentrazione.

E’ chiaro che l’approccio migliore sarebbe quello di non opporsi bensì assecondare il cambiamento, concedendo a corpo e mente il tempo necessario ad adattarsi al ciclo delle stagioni; purtroppo, però, questo si scontra con le esigenze della vita quotidiana, che non si ferma né rallenta.

Ecco perché è potenzialmente utile, anche se di fatto mai realmente necessario, ricorrere all’utilizzo dei cosiddetti integratori, che appunto permettono di ripristinare le scorte adeguate di quelle sostanze che in questo periodo dell’anno ci aiutano a far “scattare la scintilla” e a carburare, con l’obiettivo di superare il periodo nel migliore dei modi.

Questi integratori possono essere utilizzati sia dagli adulti, stressati dai ritmi di vita frenetici e dal lavoro che richiede sempre performance elevate, sia dagli studenti, che vedono l’arrivo della primavera come l’inizio del periodo finale del loro anno “lavorativo”, il momento nel quale concentrare i propri sforzi in vista del traguardo finale.

In base al meccanismo d’azione e al bersaglio cui si riferiscono, gli integratori alimentari (definiti anche “nutraceutici”, ossia nutrienti in grado di esplicare azioni farmaceutiche) possono essere classificati in 3 categorie:

INTEGRATORI PRO-ENERGETICI E VITAMINICI

I principali componenti di questi integratori sono CREATINA, CARNITINA e ARGININA. Tali sostanze agiscono alimentando il cosiddetto Ciclo di Krebs, ovvero la “fabbrica dell’energia” del corpo umano, necessaria a livello fisico per sostenere i processi biologici. Spesso queste sostanze sono associate ad un pool di vitamine, elementi essenziali al corretto svolgimento delle funzionalità fisiologiche.

INTEGRATORI PER AUMENTARE LA CONCENTRAZIONE

I principali componenti sono GINSENG, ELEUTEROCOCCO e FOSFOSERINA. I primi due agiscono come stimolanti del sistema nervoso centrale e portano ad un effetto “adattogeno”, ovvero permettono di trovare la giusta motivazione per affrontare la quotidianità; vanno assunti la mattina e sono da evitare in pazienti in terapia con farmaci psicoattivi (quali ansiolitici o antidepressivi) o in caso di problematiche a livello cardiaco in quanto possono interferire sul battito cardiaco per effetto sul sistema nervoso autonomo.

La fosfoserina è invece un aminoacido cui vengono attribuite molte proprietà benefiche a livello mentale, ha un profilo di rischio molto basso ed è utilizzabile da tutti.

INTEGRATORI PER LENIRE ANSIA E AGITAZIONE

Contengono sostanze in grado di calmare (azione sedativa) o modulare (azione sul tono dell’umore) le emozioni. Tra le sostanze calmanti più note ricordiamo BIANCOSPINO, PASSIFLORA, VALERIANA, ESCOLZIA, CAMOMILLA e MELISSA. Tra quelle che agiscono sul tono dell’umore, invece, sono degne di nota TRIPTOFANO e LACTIUM, che sono in grado di mimare l’azione fisiologica della serotonina, nota come l’ormone dell’umore.

Scegliere un integratore piuttosto che un altro richiede un’attenta analisi dell’individuo: ciò che funziona per un nostro conoscente non è detto che abbia lo stesso effetto anche su di noi.


18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Komentarai


bottom of page